Wiktenauer logo.png

Page:Opera Nova (Antonio Manciolino) 1531.pdf/14

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

to, porsi nella scola cose, che per il suo solamente, & non l’altrui profitto faccino, chenti sono questi loro capitoli, conciosiacosa che in quelli altro non si contenghi, che il poner a prezzo li maestreuoli giochi di questa arte, si come la uirtu de l’armi a tanta uiltade caduta fosse che si desseno a trouar di quelli che le sacre membra di lei per le scole a prezzo uender si uantasseno senza consideramento che l’ingegni duri con li acuti non possono parimente tirar questo giogo sopra il collo, & che l’arte non è meritrice di soporsi a prezzo. Et uolendo io tener piu utile sentiero, auisandomi che ne la scola dourebbe esser uoto di porger qualche ammaestramento, del Arte, essendomi piu grato con questa opera giouar a li scolari miei, che per metter gli giochi a prezzo esser a me stesso di grande giouamento. Imperò che a me basta hauer da li scolari trè cose, cioè Riuerentia, Fede, & premio. Riuerentia come maestro, & medesimamente fede, perche conuiene al discepolo credere secondo il detto del philosopho, el premio condeceuole sono li scolari al suo maestro tenuti, percio che senza quello (è sententia di Cicerone) che l’arti perirebbeno. Se adunque de le tre predette cose sodisfatto mi chiamo, a che perder tempo in altro mio profitto possendo giouar con questa mia opera.